Spedizione sempre gratuita in tutta Italia

Cos’è il CBD?

Che cos'è il CBD?

Cos’è il CBD?

Il cannabidiolo, conosciuto con il suo abbreviativo CBD, è una molecola della famiglia dei cannabinoidi, ovvero tutte quelle molecole che si trovano nelle piante di cannabis e che interagiscono con il sistema endocannabinoide, sistema di regolazione che gestisce diversi processi biologici.

Il più famoso dei cannabinoidi è il tetraidrocannabinolo (THC), in quanto il principale responsabile dell’effetto psicoattivo derivante dall’assunzione della cannabisi.

Il CBD, invece, non provoca alcun effetto psicotropo: questo significa che ai numerosi effetti di questa preziosa molecola si aggiunge anche un profilo di sicurezza dato dalla lucidità mentale mantenuta da chi la assume.

Ma quali sono questi effetti? Il principale effetto del CBD è miorilassante: la sensazione è quella di rilassamento muscolare e di tranquillità. Il CBD viene infatti utilizzato in molte sperimentazioni farmaceutiche come medicinale o a supporto di farmaci per il trattamento di problemi nervosi gravi. Sebbene non ci siano ancora evidenze conclamate e confermate della effettiva efficacia nel trattamento di patologie gravi (inclusi i tumori), è certo che il CBD possa dare un contributo importante in casi di forte stress, ansia, depressione e insonnia. Può aiutare ad alleviare dolori cronici, sia muscolari che ossei ed è ampiamente utilizzato nel trattamento delle dipendenze come prodotto sostitutivo grazie a un’altra delle caratteristiche fondamentali di questa splendida molecola: non crea dipendenza a sua volta.

Sebbene noi di Jointherapy non ti consigliamo nessuna delle seguenti pratiche, in quanto il nostro CBD, ai sensi della legge 242/2016 è un prodotto tecnico da destinarsi ad un uso didattico, dimostrativo o di ricerca, questo cannabinoide può essere assunto in diversi modi: può essere fumato, vaporizzato, utilizzato in ricette e mangiato, bevuto sotto forma di preparazioni quali oli o addirittura applicato direttamente sulla pelle.

Ogni applicazione ha diverse tempistiche di assunzione e conseguentemente anche diversi effetti. La cosa più importante però è che l’OMS in un paper di Giugno 2018 definisce questa sostanza come “non associata al rischio di abuso” e pertanto sicura.

Come funziona il CBD? Il funzionamento chimico del CBD è un argomento abbastanza complesso ma cercheremo di spiegarlo in maniera estremamente semplificata, tralasciando ovviamente alcuni passaggi chiave per essere più chiari. Alla fine di questo articolo troverai alcuni link con le fonti per approfondire ogni aspetto del materiale utilizzato per la stesura di questo testo.

Il CBD influenza il SEC: il sistema endocannabinoide. Questo sistema svolge diverse funzioni in tutto il corpo, tra queste le più importanti riguardano la cognizione, il controllo del movimento e la naturale regolazione delle cellule dell’organismo (omeostasi). Mentre il THC si lega direttamente ai recettori del sistema SEC, alterandone di fatto la funzionalità, il CBD inibisce il funzionamento di un determinato acido grasso che serve a scomporre l’anandamide, conosciuta anche come “molecola della beatitudine”, che è una molecola naturalmente prodotta dal nostro organismo attraverso il SEC. Il CBD di fatto impedisce all’acido grasso di scomporre questa molecola e quindi ne aumenta la presenza nel corpo provocando effetti positivi. Non è inebriante, non provoca quindi uno sballo, ma la sensazione derivante dall’aumento dei livelli di anandamide è comunque evidente e decisamente piacevole.

New Generation S.r.l.s.

“I prodotti a base di canapa industriale sono da intendersi come materiale tecnico, da destinarsi ad uso didattico, dimostrativo, di ricerca, ornamentale, da collezionismo e per tutti gli usi consentiti dalla normativa vigente. Non sono prodotti alimentari, veterinari, da combustione né farmaceutici. Non separare il prodotto dalla confezione, non ingerire e tenere lontano dalla portata dei bambini”